A Platì la Brexit è già una realtà

platìProbabilmente hanno a cuore la storia e le tradizioni locali e tengono a preservarle dal nuovo che avanza. Forse da quelle parti non hanno mai visto un turista anglosassone e quindi non se ne curano. C’è da credere che in tanti se ne siano andati all’estero nel corso degli anni in cerca di fortuna e che abbiano scelto nazioni come Germania e Svizzera. Pertanto la lingua straniera che non dico più conosciuta ma più udita è il tedesco. Sarà per tante ragioni, di certo non fa bene vedere che a Platì, in provincia di Reggio Calabria, nel cuore dell’Aspromonte, nella Locride, che dopo dieci anni di commissariamento per infiltrazioni mafiose ha il primo sindaco eletto, l’inglese non sia di casa. Nel cartello di benvenuti a Platì, infatti, si legge in grande il saluto anglosassone. Peccato, però, che l’autore non si sia preso neppure la briga di guardare un vocabolario, oppure una veloce ricerca su Internet e abbia scritto ‘Welcom to Platì’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *