Calciopoli, la violata verginità dell’Inter

calciopoliC’è voluto del tempo (troppo), ma alla fine abbiamo scoperto che anche «l’Inter violò l’articolo 1». Ossia commise degli illeciti sportivi. O meglio. Noi lo sapevamo già. Ma è la giustizia sportiva che se ne è accorta solo ora. E solo dopo aver assegnato ingiustamente uno scudetto alla squadra nerazzurra. E aver trovato come capro espiatorio la sola Juventus e alcuni suoi dirigenti. E aver causato alla società bianconera non pochi danni. Con la benedizione dei dirigenti del nuovo corso che nulla fecero per difendersi.  Le accuse sono nero su bianco nella relazione del procuratore della Figc Stefano Palazzi. Secondo il procuratore l’Inter si è resa responsabile di «condotte tenute per ottenere un vantaggio in classifica». La Procura federale ritiene che le condotte messe in atto dai vertici del club nerazzurro, come documentato dalle intercettazioni evidenziate durante il processo penale di Napoli, fossero «certamente dirette ad assicurare un vantaggio in classifica in favore della società Internazionale FC, mediante il condizionamento del regolare funzionamento del settore arbitrale e la lesione dei principi di alterità, terzietà, imparzialità ed indipendenza, che devono necessariamente connotare la funzione arbitrale». Dai documenti, secondo Palazzi, «è emersa l’esistenza di una rete consolidata di rapporti, di natura non regolamentare, diretti ad alterare i principi di terzietà, imparzialità e indipendenza del settore arbitrale, instaurati, in particolare fra i designatori arbitrali Paolo Bergamo e Pierluigi Pairetto (ma anche, sia pur in forma minore, con altri esponenti del settore arbitrale) e il presidente dell’Inter, Giacinto Facchetti». «Dalle carte in esame e, in particolare, dalle conversazioni oggetto di intercettazione telefonica, emerge l’esistenza di una fitta rete di rapporti, stabili e protratti nel tempo con l’obiettivo, tra l’altro di condizionare il settore arbitrale». «La suddetta finalità veniva perseguita sostanzialmente attraverso una frequente corrispondenza telefonica fra i soggetti menzionati, alla base della quale vi era un consolidato rapporto di amicizia, come evidenziato dal tenore particolarmente confidenziale delle conversazioni in atti», afferma ancora la procura. Secondo la relazione, «assume una portata decisiva la circostanza che le conversazioni citate intervengono spesso in prossimità delle gare che dovrà disputare l’Inter e che oggetto delle stesse sono proprio gli arbitri e gli assistenti impegnati con tale squadra». «In relazione a tali gare il presidente Facchetti si pone quale interlocutore privilegiato nei confronti dei designatori arbitrali, parlando con essi delle griglie arbitrali delle gare che riguardano la propria squadra nonchè della stessa designazione della terna arbitrale ed interagendo con i designatori nelle procedure che conducono alla stessa individuazione dei nominativi degli arbitri da inserire in griglia e degli assistenti chiamati ad assistere i primi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *