La casta e le colpe di giornalisti e avvocati

La casta e le colpe di giornalisti e avvocatiLa casta e le colpe di giornalisti e avvocati. Un pm e un giudice a Udine hanno deciso di eseguire una perquisizione ai danni di un avvocato che avrebbe consigliato il proprio assistito ad avvalersi della facoltà di non rispondere così come previsto dalla legge.

Qualche giorno prima un altro magistrato ha ordinato la perquisizione ai danni di un giornalista per aver scritto di una vicenda relativa ad Unipol. Adesso come in precedenza insorgono in tanti. Ieri qualche giornalista, oggi alcuni avvocati.

E lo fanno quasi meravigliandosi che un giudice o un pm abbiano trasgredito la legge. Come se una cosa del genere non fosse mai accaduta prima. In realtà ci sarebbe da ricordare a tutti che se oggi in Italia esiste una sola casta che fa come gli pare sentendosi anche al di sopra della legge è anche colpa dei giornalisti e degli avvocati.

I primi perché li hanno sempre esaltati e continuano a farlo. Magari appiattendosi sulle loro posizioni senza mai mettere in dubbio quello che dicono e fanno. Perché speranzosi di ottenere qualche soffiata, qualche dritta, qualche carta sulle indagini.

Del resto, quante volte li hanno osannati assegnando loro un’aura di santità o spacciandoli per salvatori della Patria? I secondi perché, a mio avviso, mancano o sono mancati del coraggio necessario per opporsi senza se e senza ma al loro smisurato strapotere.

È vero che hanno dato vita a tante astensioni dal lavoro come protesta. Ma così facendo hanno arrecato più un danno ai propri assistiti che alla casta che continua imperterrita a fare ciò che più le aggrada. Consapevole che nessuno possa scalfire il suo potere.

Tante volte hanno preferito il silenzio piuttosto che denunciare il comportamento di un magistrato o di un giudice. E molte volte hanno assistito in silenzio alla morte della giustizia facendo pagare le conseguenze ai loro clienti. Come pure avrebbero potuto prendere carta e penna e denunciare in maniera circostanziata il tutto al Csm e non lo hanno fatto.

E quante volte hanno sconsigliato di farlo ai loro temerari assistiti stufi di subire le uterine angherie di questa casta? I mostri, una volta nati e pasciuti, è difficile ammansirli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *