Errori bianconeri e vittoria nerazzurra

antonio conte allenatore della juventus L’Inter ieri sera ha giocato una grande gara. Ma non voglio pensare che la Juventus sia quella scesa in campo. Non è la squadra che abbiamo ammirato finora. I bianconeri sono ben altra cosa rispetto a quelli che hanno affrontato, nel peggiore dei modi, il derby d’Italia. Inevitabile perdere se giochi in quel modo. Senza con ciò togliere meriti agli avversari. Con i se e con i ma non si fa la storia. Ma sono sicuro che con un’altra squadra in campo i nerazzurri non avrebbero giganteggiato. A mio avviso ha sbagliato gara Conte. E in questo concordo con Massimo Mauro che l’ha scritto su Repubblica. Ci sta che un allenatore sbagli. Anche se bravo come lui. Ma, da tifoso bianconero, avrei sinceramente sperato che sbagliasse partita con un’altra squadra… Troppo spenta la Juventus di ieri sera. Troppo fiacca in attacco. Troppo moscia a centrocampo. Eppure le scelte non mancano. Anche per far rifiatare i cosiddetti titolari. Francamente non capisco, e non condivido, la scelta di lasciare in panchina Fabio Quagliarella. Specie se poi getti nella mischia l’insostenibile leggerezza del nulla Bendtner. Secondo Mauro Quagliarella potrebbe avere problemi con l’allenatore. Voglio pensare che Conte non sia iscritto al club di quegli imbecilli (tanti) che per fare un dispetto alla moglie preferiscono diventare eunuchi. Infine mi permetto un’osservazione su Stramaccioni. Che sia giovane è innegabile. E non credo che sia una variabile negativa. Anzi. Continui a dimostrare che è bravo. E soprattutto stia tranquillo. Se qualcuno gli fa delle battute su presunte spensieratezze tattiche (chi l’ha detto che non possano essere vincenti?) le prenda per quelle che sono. E lasci parlare i fatti. Sono quelli che danno la reale misura di quello che si è. Altrimenti rischia di diventare un altro di quelli che aprono la bocca solo per dare aria. E francamente di quelli ce ne sono fin troppi. Un’ultima cosa signor Stramaccioni: gli scudetti vinti dalla Juventus sono 30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *