I bug nei film da Bond a Picone e Ficarra

james bondAnche i migliori, ogni tanto, possono sbagliare. Ma qualche volta, proprio perché convinti di essere i migliori, prendono confidenza con gli errori e ne diventano vittime. È il caso di alcuni registi e sceneggiatori che in alcuni loro film cadono su alcuni particolari creando una sorta di bug.

In Mai dire mai (Never say never again), mentre è alle prese con una donna in un albergo di Nassau, James Bond è vittima di un tentato omicidio. La bella killer, incaricata di ucciderlo, fa esplodere una bomba sotto il suo letto ma l’agente britannico si salva perché non è nella sua stanza. Nessuno, però, può sapere che in quel momento è in quella della nuova fiamma eppure quelli dell’albergo gli passano la telefonata di un collega che lo cerca.

Nel film Il ritorno del monnezza, l’agente Rocky Giraldi, interpretato da Claudio Amendola, viene rinchiuso in carcere. Di solito, però, un rappresentante delle forze dell’ordine che finisce dietro le sbarre non va mai con gli altri detenuti perché potrebbe subire ritorsioni.

In Andiamo a quel paese di Picone e Ficarra, gli sceneggiatori non hanno molta dimestichezza con le forze dell’ordine e infatti al maresciallo del paese, interpretato da Francesco Paolantoni, danno i gradi sbagliati. Non ha i ‘baffi’ del comandante di stazione, ma quelli di un subalterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *