Il furto a Prodi è solo redistribuzione delle ricchezze

Il furto a Prodi è solo redistribuzione delle ricchezzeIl furto a Prodi è solo redistribuzione delle ricchezze. Dovessi esternare un pensiero comunista, direi che il furto in casa dell’ex premier Romano Prodi è solo una normale redistribuzione delle ricchezze.

Infatti, ci hanno sempre spiegato che non è giusto che uno possieda tanto e tanti possiedano niente. Del resto, continuano a ripeterci in tutte le salse che l’equità e la pace sociale vanno a braccetto. E le si può conseguire solo con la comunione dei beni e delle risorse.

Sono certo, però, considerato certi personaggi, che il dispiacere per la razzia subita sia di gran lunga superiore alla gioia della condivisione. In fondo, non è la prima volta che abbiamo a che fare con certi pseudo comunisti.

Magari comunisti con il Rolex che quando parlano di equa distribuzione si riferiscono ai beni degli altri e non ai loro. Dovessi guardare l’episodio dagli occhi della gente, invece, dico che ben vengano furti di questo tipo ai danni di benpensanti, radical chic e terzomondisti.

In tal modo, subendo la triste realtà sulla loro pelle, probabilmente si sveglieranno dal torpore della coscienza che li caratterizza. E saranno più propensi a comprendere che la situazione non è come la immaginano loro ma decisamente diversa.

Sarebbe un toccasana per certe città e in particolare per Bologna se i ladri si evolvessero. Beninteso senza pretendere che vestano i panni di novelli Robin Hood perché sarebbe sperare davvero troppo. No, sarebbe interessante se cominciassero a rubare a casa di questa particolare categoria di intellettualoidi e politicanti costringendoli a svestire i panni dei finti buonisti che sono sempre pronti ad indossare quando a subire i reati sono gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *