Marò, serviti i benpensanti colpevolisti

maròLe prime crepe della versione indiana sui pirati del Kerala cominciano a manifestarsi in tutta la loro scandalosa inconsistenza. E stavolta non sono interessi di parte a confermarlo bensì giudici terzi chiamati a studiare le carte di questa incredibile vicenda che si trascina in maniera kafkiana da quatto anni. E il tempo, che è galantuomo, dimostrerà i reali contorni di questa assurda storia condita da atti falsi e menzogne grossolane. E quello che è peggio è che per tutto questo tempo due persone, presumibilmente innocenti, sono state tenute in ostaggio con la complicità vigliacca di tanti benpensanti e terzomondisti italiani, presunti custodi della democrazia e discutibili combattenti per il rispetto dei diritti. Gente che oggi si straccia le vesti (giustamente) per Giulio Regeni e nulla ha fatto per altri due nostri concittadini che sono stati privati dei loro elementari diritti per troppo tempo sulla base di accuse costruite artatamente e pure male. Sarebbe bastato leggere con attenzione le carte per capire che le ragioni indiane erano solo fantasie e che traiettorie, orari e proiettili nulla avevano a che vedere con i nostri marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Molta della responsabilità ricade anche sul peggiore e vigliacco governo della storia di cui Napolitano e Monti detengono le colpe. Impegnati a tassare gli italiani e a costruire un mostro chiamato esodati che solo le loro menti (?) potevano partorire hanno dato dell’Italia uno spettacolo penoso insieme ai benpensanti di cui sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *