Le medaglie non si vincono con i videogame

Le medaglie non si vincono con i videogameLe medaglie non si vincono con i videogame. Che il lavoro, il sacrificio e la fatica siano parole e valori desueti, che non vanno più di moda è assodato ormai da troppo tempo.

Ma siccome al peggio non vi è mai limite ecco la boutade del Cio, il Comitato olimpico internazionale che mette la parola fine sulla diatriba. Ora non serve più allenarsi per mesi, sudare, faticare o soffrire per conquistare una medaglia.

Per diventare campione basta stare con il culo ben piantato su una poltrona. Non serve più vedere e percepire l’odore di un parco, non serve più sentire l’odore acre del sudore che impregna la maglietta. E’ inutile fare del movimento e dell’esercizio fisico per limare i tempi segnati sul cronometro.

Ora la vita, i suoi momenti di gloria o di tristezza, la competizione, la soddisfazione di tagliare un traguardo vengono scanditi dal virtuale destinato a soppiantare in tutto e per tutto ogni pertugio della realtà.

A mio modo di vedere è a dir poco scandaloso dare l’aura di sport ai videogiochi. Perché è questo che hanno intenzione di fare i culi flaccidi e le menti obnubilate dai grassi e dal colesterolo che governano il mondo degli sport olimpici.

Le medaglie si conquistano sul campo reale, correndo con il caldo e con il freddo, allenandosi nel fango o sotto la pioggia. Non si vincono stando seduti comodamente sulla poltrona di casa e magari mangiando cibi spazzatura.

Sarei curioso di ascoltare cosa ne pensa l’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, che da sempre incita la gente a muoversi e ad allenarsi per combattere obesità e cattive abitudini. Mentre ora si vede imporre campioni dall’immobilismo del sedentario virtuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *