Mentana, prima creano i mostri e poi se ne pentono

Mentana, prima creano i mostri e poi se ne pentonoMentana, prima creano i mostri e poi se ne pentono. Il direttore della Dire, Nico Perrone, si è scagliato contro Enrico Mentana perché, a suo dire, avrebbe insultato un giornalista dell’agenzia sol perché gli avrebbe rivolto una domanda non gradita. Conoscendo il tipo, questa notizia non mi meraviglia e anzi mi verrebbe da dire che chi è causa dei suoi mali deve solo piangere se stesso. Molti media e personaggi con una certa connotazione esaltano Mentana da anni, lo hanno trasformato in una sorta di icona del giornalismo e della democrazia e hanno spesso sorriso soddisfatti quando ha mancato di rispetto a qualcuno. Ma finché a finire nelle sue maleducate spire c’erano gli altri – magari destrorsi, quasi certamente un po’ fascisti e quindi stupidi elettori o webeti – andava bene. Salvo poi lamentarsi quando nel mirino è finito chi pensa di stare sulla stessa barricata del direttore de La7. In questo caso, stando sempre al racconto della Dire, il misfatto è addirittura doppiamente peggiore. Perché ad insultare un giornalista non è stato il solito potente di turno bensì un altro giornalista, qualcuno che non solo dovrebbe conoscere quel mestiere, ma si ammanta di esserne un guru e dà lezioni agli altri; qualcuno che si spaccia per garante della democrazia, del rispetto e dell’educazione salvo poi dimostrare che così non è attraverso i fatti che sanno come smentire impietosamente chi indossa una maschera tentando di apparire ciò che non è. Un maleducato, parafrasando una nota pubblicità, è per sempre. E non esistono giustificazioni di sorta o, peggio ancora, di parte. Finora ve lo siete coccolato e difeso? E ora che avete creato il mostro ve lo dovete tenere, effetti collaterali compresi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *