Ora gli Usa hanno conquistato anche Cuba

cuba usa1Non sono riusciti a conquistare Cuba con 54 anni di embargo e ce l’hanno fatta con la scusa del ‘vogliamoci bene’. Tutti parlano di visita storica di Obama a Cuba e di fine di un’epoca. A mio avviso il valore storico sta nel fatto che gli americani sono riusciti a porre le basi per l’invasione dell’isola caraibica, probabilmente l’ultimo avamposto al mondo contro la politica consumistica a stelle e strisce. Ed è proprio questo risultato esclusivamente yankee che rappresenta la fine di un’epoca dove qualcuno poteva e riusciva anche a vivere senza diventare un satellite di quello che ormai si può definire l’ombelico del mondo. La mia non vuole essere la difesa di Fidel che resta un dittatore. Alla stregua di coloro che sventolano la bandiera della (presunta) democrazia. Dicono che a Cuba la sanità e certi servizi funzionino bene e forse meglio di altri paesi all’avanguardia. A dimostrazione che se l’isola fosse stata lasciata davvero in pace dagli americani avrebbe forse potuto costruirsi il proprio futuro senza difficoltà come hanno fatto tutti gli altri stati. Ma siccome Fidel non voleva stare alle direttive Usa dapprima hanno provato a rovesciarlo con atti di guerriglia e terrorismo sfiorando la guerra, e poi con l’embargo. E siccome non ce l’hanno fatta si sono inventati l’invasione pacifica con l’ausilio del Papa che può essere visto come una pedina inconsapevole di questo gioco esclusivamente politico o complice. Del resto la storia ci insegna che la Chiesa ha favorito rivoluzioni pseudo democratiche al solo fine di sconfiggere il comunismo visto come il male assoluto sol perché contrapposto al cancro del capitalismo spietato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *