Silenzio su Montezemolo sui Panama Papers

Silenzio su Montezemolo sui Panama Papers Silenzio su Montezemolo sui Panama Papers. Sappiamo che il neo patron della Fifa, Gianni Infantino, aveva conti segreti a Panama. Che con lui c’era il primo ministro islandese, Sigmundur Gunnlaugsson.

Abbiamo anche appreso che l’inglese Cameron e il nazionalista Le Pen non disdegnavano mettere i loro averi nello stato sudamericano.

Praticamente sappiamo tutto di tutti, anche di Putin nonostante i giornali russi non parlino della vicenda considerata una montatura della Cia. E stessa sorte per il suo compare siriano Assad, per il presidente cinese Xi Jinping  e per il presidente argentino Mauricio Macrì.

In Italia, però, i solerti colleghi giornalisti nulla ci dicono di Luca Cordero di Montezemolo. Nei primi giorni dello scandalo Panama Papers è venuto fuori il suo nome e poi più nulla sui presunti conti segreti detenuti in Sudamerica.

I tg della Rai parlano di tutti ma non dell’ex presidente della Ferrari. Eppure sarebbe un importante esercizio di democrazia se potessimo sapere se è vero o meno.

Se davvero il presidente della compagnia di bandiera, Alitalia, capo del comitato per Roma città olimpica del 2024 e titolare di chissà quanti altri incarichi e deleghe fa il furbetto come tanti alle spalle dei pochi onesti che pagano le tasse.

Oppure se questa storia è solo un tentativo di gettare fango su una persona che paga il dovuto al Fisco fino all’ultimo centesimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *