Solidarietà Goi a carabiniere aggredito

carabinieri grosseto aggressione silenzio Importante iniziativa solidale da parte del collegio dei maestri venerabili della Toscana su iniziativa delle logge senesi. Gli iniziati del Grande Oriente d’Italia hanno avviato una raccolta di fondi a favore di uno dei due carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Pitigliano aggrediti a bastonate da quattro giovani, tra cui tre minorenni, che prima di Pasqua avevano fermato per un normale controllo nei pressi di Sorano, in provincia di Grosseto. Il denaro servirà a dare una mano alla famiglia dell’appuntato di 43 anni le cui condizioni sono ancora definite «gravissime» dai medici. In particolare l’intento è di raccogliere una somma sufficiente a pagare le spese dell’istruzione superiore del figlio dell’appuntato. L’invito è stato raccolto dagli iniziati dell’Emilia-Romagna che stanno raccogliendo il denaro. Pare che stia invece bene il suo collega, carabiniere scelto di 34, che ha perso un occhio e che comunque potrà tornare a lavoro. L’aggressione avvenne a circa 5 km da un rave party dove probabilmente i giovani fermati avevano partecipato. Quando i militari avevano chiesto ai quattro di sottoporsi al test dell’alcol si erano rifiutati e avevano aggredito i due carabinieri con calci, pugni e bastoni. Per colpire i militari sarebbe stato usato anche un paletto di recinzione. Poi erano risaliti in auto ed erano fuggiti. Una pattuglia della compagnia di Saturnia li aveva poi intercettati e dopo un inseguimento e spari alle gomme li avevano fermati scoprendo poi che avevano fatto uso di droghe e alcol. L’iniziativa solidale vuole essere una sorta di ringraziamento all’Arma per il discreto e prezioso servizio d’ordine posto in essere qualche anno durante un convegno del Goi a Pitigliano al quale partecipò anche l’ambasciatore d’Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *