Il giallo Gioco mortale è un tuffo nella trasgressione

Il giallo Gioco mIl giallo Gioco mortale è un tuffo nella trasgressioneortale è un tuffo nella trasgressione. Al centro ci sono le indagini volte a scoprire chi ha ucciso un ricco e gaudente uomo d’affari bolognese. Seguendone gli sviluppi il lettore avrà modo di comprendere cosa sia la licenziosità e cosa si nasconda dietro la facciata perbenista della vita reale.

Il giallo di Saru Santacroce è quella famosa toppa dal quale sbirciare quella realtà intrigante e maliziosa che il finto moralismo vorrebbe non esistesse. Vorrebbe eliminare solo per non fare i conti con la feroce tentazione che spesso non riesce a gestire o, peggio ancora, soddisfare.

Al centro del giallo ci sono due donne apparentemente diverse ma probabilmente simili e destinate a spingere verso il baratro chiunque si interfacci con loro. Ma quando ormai non si potrà più tornare indietro, sarà stato inutile scoprire che trasgredire può anche voler dire morire.

Il cronista salentino Saru Santacroce racconta ai lettori ciò che accade dietro le quinte con la sua solita schiettezza e sincerità. È un uomo rude e razionale, loquace e carismatico, ama la vita, non si fa spaventare da ciò che non conosce e al contrario ne viene intrigato.

È un personaggio esplosivo, qualche volta rude e politicamente non corretto, ma genuino. Va dritto alla sostanza anche se non disdegna la forma; non ha nulla da spartire con la falsità, l’ipocrisia e il finto buonismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *