Lecce nel giallo Il dio danzante

Lecce nel giallo Il dio danzante

Lecce nel giallo Il dio danzante. Scritto dall’autore salentino Cesario Picca, è ambientato nel Salento e nella capitale del Barocco. Un giallo che presenta un amalgama perfetta tra storia, cronaca, realtà e fantasia. Un thriller intriso di mistero e di segreti.

Come in tutti i gialli di Cesario Picca, il protagonista è il cronista salentino Saru Santacroce. Gioca in casa e segue le indagini del comando provinciale di Lecce volte a catturare un ex killer della Sacra corona unita evaso dall’ospedale Vito Fazzi. Un ergastolano che nasconde un ricco segreto.

È l’unico che conosce il nascondiglio di un ingente bottino frutto di una sanguinosa rapina. Sono in tanti a voler scoprire dove sono nascosti 200 chilogrammi in lingotti d’oro. Anche sua moglie Rosa Barba nasconde un segreto. Certamente, non è la donna mite e indifesa che finge di essere. Lo scoprirà suo malgrado il cronista Saru Santacroce. È un cronista scomodo che pone troppe domande, che non abbassa la testa. E in certi luoghi questo tipo di coraggio si può anche pagare con la vita.

Ha dei segreti pure la Grotta dei cervi di Porto Badisco. Un budello nel cuore della terra che nessuno può penetrare. Là dentro campeggia sornione lo sciamano neolitico. È lo stesso che fa da protagonista sulla stessa copertina di questo giallo Il dio danzante ambientato a Lecce. Tanti gli angoli della capitale del Barocco che fanno capolino in questo thriller. Come via Prato, a ridosso del teatro Paisiello.

Lì abita una splendida fanciulla. È la stessa che rimarrà scioccata nel trovare un cadavere mentre fa footing nella splendida oasi delle Cesine. Anche quel paradiso terrestre nasconde un segreto da svelare. Nel giallo Il dio danzante sono davvero tante le cose che non sono come appaiono. Proprio per tale ragione diventa difficile fare i conti con le proprie certezze e con le proprie convinzioni nella Lecce che fa da sfondo al giallo Il dio danzante dello scrittore salentino Cesario Picca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *