L’intrigo è un thriller massonico ed esoterico

L’intrigo è un thriller massonico ed esotericoL’intrigo è un thriller massonico ed esoterico. Parte da un episodio di cronaca come la richiesta degli elenchi dei massoni calabresi e siciliani da parte della commissione Antimafia e sviluppa la propria avvincente trama come fosse un viaggio nei meandri della massoneria, dei suoi simboli e dei suoi eroici iniziati. Una esplorazione nel mondo del simbolismo che comincia proprio in Calabria laddove il protagonista, il cronista salentino Saru Santacroce, giunge per cercare di diradare la fitta nebbia che sembra avvolgere la morte di un importante banchiere fratello di un noto massone calabrese. Come spesso accade, la curiosità di un cronista fa da pungolo alle indagini che portano alla soluzione di quello che si rivelerà un intricato mistero. Ma ci vuole l’abnegazione di due donne per far sì che emerga l’intrigo che si cela dietro quella morte alla quale sono strettamente connessi il malaffare nell’accoglienza dei migranti e gli attacchi alla Massoneria. Il complesso e delicato lavoro della super poliziotta Maria Cota, capo della squadra mobile di Catanzaro, e della pm Carla De Paolis, sostituto della Procura di Catanzaro, compagne di vita oltre che di lavoro, permetterà di far scattare le manette ai polsi di onorevoli, imprenditori, uomini di chiesa e boss mafiosi che vedono nella Massoneria l’unico ostacolo ai loro progetti di arricchimento personale grazie al business della lucrosa solidarietà su cui ha puntato i propri tentacoli la criminalità organizzata, pronta a tutto pur di non farsi sfuggire quella miniera d’oro. Come la goccia che scava la roccia, così le campagne di odio e veleno lanciate contro le obbedienze massoniche possono diventare deleterie quando si insinuano nella fragilità dell’animo umano e sarà solo il caso a impedire che il sonno della ragione generi un nuovo mostro spingendo una labile mente a mettere a segno il proprio disperato disegno di morte contro coloro che indossano i paramenti massonici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *