Lotta tra potere e amore nel giallo Il dio danzante

Lotta tra potere e amore nel giallo Il dio danzanteLotta tra potere e amore nel giallo Il dio danzante. Donna di mafia, enigmatica e spietata, Rosa Barba può anche rinunciare all’amore. Ma non può fare a meno del potere che detiene con lo scettro di ferro e tanto piombo.

La famiglia ha la priorità su tutto, anche sugli affetti più cari. È l’eterna lotta per la supremazia tra il potere e l’amore a fare da sfondo nel thriller Il dio danzante ambientato nel Salento. Questa volta il cronista salentino Rosario Saru Santacroce gioca in casa.

E segue le indagini per catturare un pericoloso ergastolano evaso dall’ospedale Vito Fazzi di Lecce. In realtà, le indagini per catturarlo si intrecceranno con quelle per recuperare un ingente quantitativo di lingotti d’oro. Il fuggiasco è l’unico a conoscere il nascondiglio di questo bottino frutto di una sanguinosa rapina.

Ma per risolvere questo enigma gli inquirenti faranno un tuffo nel sanguinoso passato del Salento. Dovranno fare i conti con la spietatezza di ciò che resta della Sacra corona unita. Il potere è più importante degli affetti e chi lo detiene è disposto a sacrificarli pur di continuare a comandare.

Rosa Barba lo sa. Ha sempre dovuto fare i conti con quella scelta e anche stavolta sa da che parte stare. Senza alcun tentennamento e con la determinatezza necessaria per gestire gli affari illeciti della famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *