Trasgressione senza segreti in Gioco mortale

gioco-mortale-piccola.pngLa trasgressione non avrà più segreti una volta letto Gioco mortale – delitto nel mondo della trasgressione, la seconda avventura del cronista salentino Rosario Saru Santacroce. Seguendo le indagini sull’omicidio di un ricco licenzioso, farete i conti con Carl Jung e Freud; imparerete cos’è una gang bang; cuck e sweet non saranno più termini sconosciuti; il cuckoldismo non sarà più un mistero; il marchese De Sade vi sembrerà un amico burlone della vostra infanzia; quando sentirete parlare di un bull non penserete più all’andamento dell’economia. Infine, ne scoprirete delle belle sullo scambio di coppia, la lussuria, i club privè, l’amico di coppia, le saune naturiste e i giochi in spiaggia. Il pensiero unico massificato, voyeur e pruriginoso, definisce corrotto, perverso e malato il mondo della licenziosità. Si tratta invece di un mondo che è solo l’immagine riflessa di ciò che siamo e di ciò che probabilmente sogniamo ma senza avere il coraggio di viverlo per davvero. Perché, come spiega Saru, parafrasando Jung, la libido non è solo una pulsione sessuale come la definiva Freud, ma una forma di energia psichica che costituisce per l’uomo una spinta vitale che va al di là dell’ambito esclusivamente sessuale acquistando il valore di una vera e propria trasformazione spirituale. Perché la stagnazione della libido, tanto quanto una diga che accumula senza una valvola di sfogo, può essere distruttiva per il soggetto dando luogo a nevrosi, isteria, ansia, depressione, ossessione, fobia e psicosi. Ancora una volta Saru infarcisce il racconto con citazioni salentine ed esalta la vita in tutte le sue sfaccettature. E siccome il sesso ne è una costante importante vive la propria intimità con spettacolare teatralità e con naturalezza tanto da farla sembrare facilmente realizzabile. Da qui il messaggio: meno sovrastrutture, meno tabù e più consapevolezza di se stessi e delle proprie emozioni probabilmente aiuterebbero a creare un mondo migliore. Il romanzo ha contenuti forti per cui è molto probabile che Zia Concezione non vi permetterebbe di leggerlo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *