L’intrigo

Due donne coraggiose e molto innamorate contro la ndrangheta e i suoi complici che fanno affari coi migranti usando la Massoneria come un capro espiatorio

Il giallo L'intrigo del cronista salentino Saru SantacroceIl thriller L’intrigo del cronista salentino Saru Santacroce e due donne molto coraggiose lottano contro la ndrangheta

La luce della saggezza illumina gli onesti…

Ne il thriller L’intrigo due donne molto coraggiose lottano contro la ndrangheta e in questa dura lotta offre loro un contributo anche il cronista salentino Saru Santacroce. Saru va in vacanza in Calabria su invito di alcuni amici. In realtà, è alla ricerca di notizie sulla morte di un importante e coraggioso banchiere avvenuta in un sospetto incidente stradale tra Soverato e Catanzaro. Una morte che si intreccia con un’offensiva politica, mediatica, giudiziaria e clericale contro la Massoneria e lo sfruttamento dell’immigrazione da parte della criminalità organizzata.

Le obbedienze italiane finiscono nel mirino della commissione Antimafia per presunte collusioni con le organizzazioni criminali. In realtà, le indagini di una pm in prima linea e di una determinata poliziotta, già scampata a un agguato, svelano un complesso intrigo. E fanno emergere ciò che si cela dietro un mortale groviglio di falsi dossier, giornalisti prezzolati, interessi economici, criminalità organizzata, politici corrotti e clerici poco propensi alla carità cristiana. Un intreccio politico-mafioso-clericale che fa affari sfruttando i migranti e usando la massoneria come capro espiatorio.
C’è molta cronaca ne il giallo L’intrigo, la nuova avventura gialla del cronista salentino Rosario Santacroce. Saru è alle prese con una pericolosa indagine che parte dalla Calabria e coinvolge l’intera penisola. E sullo sfondo c’è il mondo dell’esoterismo. Per questo, il thriller L’intrigo – guanti puri e senza macchia è un modo originale per conoscere i simboli massonici e il loro significato.
Compagne di vita, con la complicità di Saru, le due donne fanno scattare le manette ai polsi di onorevoli, imprenditori, uomini di chiesa e boss mafiosi. Gente che vede in alcuni massoni di buona volontà l’unico ostacolo ai suoi progetti di arricchimento personale. E quando l’azione di inquirenti e investigatori si rivela insufficiente, ci pensa il caso a impedire che il sonno della ragione generi un nuovo mostro. È proprio il fato a evitare che una labile mente, obnubilata da campagne di odio, metta a segno il proprio disperato disegno di morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *