Se il nuovo è D’Alema Renzi stia tranquillo

d'alema-berlusconiDicono che D’Alema in questi giorni stia gettando le basi di un piano che mirerebbe a far fuori il segretario del Pd Matteo Renzi e riconquistare il Pd. Qualche sodale di baffino va anche oltre e si sbraccia per dire ai quattro venti che c’è tanto posto a sinistra per un nuovo soggetto politico. E pare, infine, che ci sia una sorta di fermento tra i vecchi arnesi di quello che fu il Pci-Pds-Ds-Pd per bloccare il nuovo che avanza. Quel nuovo che non piace ai vecchi burocrati sinistrorsi ma che ha consenso nel Paese e i voti li ha. A dire il vero se questi sono coloro che dovrebbero minare gli attuali dirigenti del Pd e creare un nuovo soggetto politico capace di prendere voti, Matteo Renzi può davvero stare tranquillo. È più che probabile che per i prossimi vent’anni almeno nessuno riuscirà a scalzarlo dalla scena politica. D’Alema e i suoi compagni di merende Bersani, Bassolino, Epifani, Cofferati e via discorrendo sanno benissimo che in un’eventuale competizione elettorale non riuscirebbero neppure a prendere il loro personalissimo voto. Ma baffino, si sa, soffre un po’ di quella sindrome da ‘muoia Sansone e tutti i filistei’. Perché se è vero che la storiella che gira da vent’anni è che Bertinotti (altro esempio eccelso di politica) abbia fatto cadere il governo Prodi (altro esimio politicante) nel ’98 è anche vero che l’altra versione, meno ufficiale ma probabilmente vera, è che sia stato D’Alema a tramare per ottenere quel risultato che poi l’ha portato a formare un governo con i risultati (scarsi) che sono sotto gli occhi di tutti. Un grande politico (?) diceva che il potere logora chi non ce l’ha. E infatti pare che questi vecchi arnesi stiano soffrendo davvero parecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *