Giornalista e scrittore
 

Per Il dio danzante un evento gioioso e non palloso

Per Il dio danzante un evento gioioso e non palloso dato che la presentazione del giallo a Lecce si è rivelata frizzante

Per Il dio danzante un evento gioioso e non pallosoPer il giallo Il dio danzante la presentazione a Lecce si è rivelata un evento gioioso e non palloso. Lo avevamo promesso e siamo stati di parola. Si è rivelata una serata molto frizzante la presentazione mio terzo giallo Il dio danzante – delitto nel Salento di venerdì sera alla Libreria Adriatica a Lecce che quest’anno è Città del libro.

Un grazie va certamente allo sponsor Art et coiffeur, a Daniela Mazzotta che ci ha ospitati nel suo regno di Porta Napoli, al Centro Unesco Bologna e al Comune di Lecce per il patrocinio. Ovviamente non può mancare un riconoscimento ai brillantissimi relatori. Non c’erano dubbi. Ma va dato atto che si sono rivelati davvero abili e amabili conversatori. Al mio fianco c’erano il vice capo della redazione di Lecce della Gazzetta del Mezzogiorno Massimo Barbano, l’avvocatessa del foro di Lecce Manuela Guadalupi e il pm Giampiero Nascimbeni.
Un grazie va a LeccePrima.it, al Corriere Salentino, a Lecce Sette e a Salentuosi – La Radio Sale che hanno pubblicizzato l’evento insieme a La Gazzetta del Mezzogiorno dove, tra l’altro, ho mosso i primi passi da cronista 25 anni fa. Last but not least, un grazie va ai numerosi ospiti che hanno riempito fino ai limiti della capienza (magica frase presa in prestito dal grande Sandro Ciotti) la sala letteraria ‘Mino Carbone’. Hanno preso la parola e hanno arricchito la presentazione rendendola molto divertente.
E siccome a freddo si ragiona meglio, il giorno dopo è giunta la conferma allorquando Marinella, super e accanita lettrice, (l’augurio è che le piaccia Saru Santacroce) ha voluto ribadire la propria soddisfazione per aver partecipato a un evento non palloso ma gioioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.