Saru e gli abusi nel thriller psicologico vite Spezzate

Saru e gli abusi nel thriller psicologico Vite Spezzate che è ambientato a Londra e parla delle violenze sui bambini

Saru e gli abusi nel thriller psicologico vite SpezzateSaru Santacroce affronta gli abusi nel thriller psicologico Vite Spezzate che vede il cronista salentino a Londra e alle prese con la piaga della violenza sui bambini. Un flagello sempre attuale considerando i numerosi minori che subiscono abusi da parte degli adulti. Una ferita con la quale le giovani vittime spesso non riescono a fare i conti. E sono costretti a portarsi sulle spalle questo fardello per tutta la vita.

Ne deriva un’esistenza pesantemente condizionata dalle morbose attenzioni subite che in molti casi li trasforma in carnefici a loro volta. E’ questo il concetto di base del thriller psicologico Vite Spezzate ambientato a Londra. Il cronista Saru Santacroce segue le indagini del detective di Scotland Yard, Sonny D’Amato, per catturare un serial killer. Qualcuno tortura e uccide giovani studenti e Sonny D’Amato deve bloccare l’assassino prima che la sua diventi una lunga scia di sangue. Il tutto avviene in una Londra già affranta da gravi attentati terroristici.
Accanto al promettente poliziotto c’è la brava e affascinante coroner July Pence. Saru Santacroce è nella capitale britannica per cambiare vita. Ma il salentino è costretto a svestire i panni dell’immigrato per indossare quelli del cronista a caccia di notizie. Per risolvere il caso il detective Sonny D’Amato deve tuffarsi nel passato alla ricerca di vecchi casi di abusi. Perché, come dice la tag line del giallo, un mostro riemerge dal passato per uccidere il presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *